MAGGIORAZIONE DI BORSA

In caso di soggiorni all'estero per attività inerenti il dottorato, preventivamente autorizzati dal Coordinatore o dal Collegio dei Docenti, l'importo della borsa di studio è aumentato del 50%.

BENEFICIARI:

Hanno diritto alla maggiorazione di borsa i dottorandi in possesso di borsa di studio fino alla conclusione del terzo anno di dottorato. Non verranno considerati i periodi all'estero successivi al 31 ottobre (o 31 dicembre*) dell'ultimo anno di corso. Non hanno diritto alla maggiorazione i dottorandi in proroga.
Attenzione: per i dottorandi iscritti al 29° ciclo e successivi, è da considerarsi permanenza all'estero un periodo continuativo non inferiore ad un mese e complessivamente non superiore a 18 mesi.

COME VIENE CALCOLATA:

L’ammontare della maggiorazione è calcolato sulla base del numero di giorni di effettiva permanenza, comprovata mediante attestazione rilasciata dall'istituzione straniera presso la quale si è svolta l'attività di studio e/o di ricerca. La maggiorazione viene erogata al termine del periodo di soggiorno.

PRIMA DELLA PARTENZA:

Per richiedere la maggiorazione di borsa il dottorando deve presentare:
-    il modulo di richiesta della maggiorazione;
-    il modulo di Autorizzazione del Coordinatore (se il periodo all’estero è inferiore o uguale a 6 mesi) o la delibera del Collegio dei Docenti (se il periodo all’estero è superiore a 6 mesi).
La modulistica deve essere inviata o consegnata alla Divisione Supporto Corsi di Dottorato e Alta Formazione del Polo di riferimento (si veda il Box Contatti in basso).

ANTICIPO DELLA MAGGIORAZIONE:

In caso di permanenza all'estero pari o superiore a tre mesi, è possibile richiedere l’anticipo del 60% dell’importo previsto, indicando tale opzione nel modulo “Richiesta maggiorazione”.
Per ricevere la liquidazione dell’anticipo entro la data della partenza indicata nel suddetto modulo, la richiesta dovrà essere presentata almeno 2 mesi prima della partenza stessa. In caso di richieste presentate tardivamente e/o a ridosso della partenza, non è garantito che l’anticipo verrà erogato prima dell’inizio del periodo all’estero. La quota restante (conguaglio del 40%) verrà liquidata al termine del periodo all’estero su presentazione del certificato comprovante l’effettiva permanenza rilasciato dall'ente ospitante.

AL TERMINE DEL SOGGIORNO:

Il dottorando deve presentare alla Divisione Supporto Corsi di Dottorato e Alta Formazione del Polo di riferimento un certificato rilasciato dall'ente/istituzione presso il quale ha trascorso il periodo di ricerca (v. fac-simile come esempio per il testo nel Box Download), attestante l'effettivo periodo di permanenza.
N.B.: il certificato deve avere data contestuale o successiva alla fine del periodo e riportare il timbro dell'ente ospitante oppure essere stampato su carta intestata.

*NOTA: si ricorda che, a seconda del Corso di Dottorato, l'anno accademico ha durata 1 novembre-31 ottobre oppure 1 gennaio-31 dicembre.