Innocenzo Cipolletta è Presidente dell’Università di Trento dal marzo 2003.

È inoltre Presidente di UBS Italia SIM SpA, Consigliere di amministrazione di Indesit SpA, di Poltrona Frau SpA, di Ceramiche Piemme SpA, di iGuzzini SpA e di Laterza-Agorà srl.

In precedenza è stato Presidente di Ferrovie dello Stato (dal 2006 al 2010), Presidente de Il Sole 24 Ore (dal 2004 al 2007), Presidente di UBS Corporate Finance Italia (dal 2002 al 2006), Presidente della Marzotto SpA (dal 2000 al 2003) e Direttore Generale di Confindustria (dal 1990 al 2000). Ha ricoperto inoltre ruoli di funzionario e di dirigente all’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) e all’ISCO (Istituto Nazionale per lo Studio della Congiuntura).

Come docente universitario ha avuto incarichi di insegnamento all’Università la Sapienza di Roma, Facoltà di Scienze Statistiche, alla LUISS - Guido Carli di Roma, alla Cesare Alfieri di Firenze ed all’Università di Reggio Calabria.

È membro del CdA della Fondazione Censis, della Fondazione Musica per Roma e della Fondazione Lars Magnus Ericsson. Partecipa, tra gli altri, ai comitati scientifici di “Economia Italiana” della “Rivista di Politica Economica” e della “Fondazione del Nord Est”.

È socio di enti morali quali la Società italiana di Statistica, la Società Italiana degli Economisti, la Società Italiana di Economia, Demografia e Statistica, l’Istituto Adriano Olivetti di Studi per la Gestione Economica e della Azienda (ISTAO) e l’Istituto Affari Internazionali (IAI).

È inoltre pubblicista e commentatore economico di quotidiani, oltre ad aver firmato numerosi articoli scientifici e libri.

Nato a Roma l’8 dicembre 1941, si è laureato in Scienze Statistiche presso l’Università di Roma nel 1965.

Innocenzo Cipolletta è Cavaliere di Gran Croce.

Funzioni del Presidente - art. 10 dello Statuto

  1. Il Presidente del Consiglio di amministrazione è il garante della speciale autonomia di cui gode l’Università.

  2. In particolare, il Presidente:
    svolge funzioni di iniziativa e di proposta in relazione alle deliberazioni da sottoporre al Consiglio di amministrazione riguardanti la programmazione e la gestione amministrativofinanziaria generale dell’Ateneo, nonché di vigilanza sulla loro attuazione;
    cura, d’intesa con il Rettore, le iniziative relative agli accordi con altri enti, nazionali e internazionali, aventi carattere istituzionale, gestionale e finanziario;
    si adopera, di concerto con il Rettore, per assicurare all'Università le risorse necessarie alla realizzazione del piano strategico di Ateneo;
    promuove e cura le relazioni dell’Ateneo con il  contesto esterno e, in particolare, con le istituzioni del territorio;
    convoca e presiede il Consiglio di amministrazione, stabilendone altresì l’ordine del giorno, formulato d’intesa con il Rettore;
    provvede alla costituzione del Comitato per le candidature a Rettore;
    convoca, d’intesa con il Rettore, l’Assemblea pubblica di Ateneo e gli incontri con le espressioni economiche e sociali del territorio.

  3. Il Presidente è sostituito dal componente più anziano del Consiglio di amministrazione in caso di assenza, impedimento o vacanza della carica.