In ottemperanza a quanto previsto dall’art. 15 c. 1,2 del d.lgs. 33/2013, si pubblicano le informazioni relative al Direttore Generale

Direttore Generale: dott. Alex Pellacani

Competenze Direttore Generale - da art. 17 Statuto Università degli Studi di Trento D.R. n.167/2012

  1. Il Direttore generale è responsabile, nel quadro degli indirizzi approvati dal Consiglio di amministrazione, della complessiva gestione e organizzazione degli uffici e dei servizi, del personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo e delle risorse strumentali.
     
  2. Il Direttore generale:
    1. coadiuva, nell’ambito delle proprie competenze, il Rettore e gli altri organi di Ateneo nell’esercizio delle loro funzioni e cura, per la parte di sua responsabilità, l’attuazione delle relative direttive e deliberazioni;
    2. propone al Consiglio di amministrazione, d’intesa con il Rettore, lo schema generale di organizzazione della struttura gestionale e le linee di sviluppo e di incentivazione del merito del personale tecnico-amministrativo, ne definisce il piano attuativo e ne cura la realizzazione;
    3. attribuisce gli incarichi dirigenziali delle strutture gestionali e di servizio, secondo quanto disposto da apposito regolamento;
    4. propone al Consiglio di amministrazione, tenuto conto del piano strategico di Ateneo, un piano pluriennale di sviluppo e miglioramento della qualità dei servizi e riferisce annualmente sullo stato della sua attuazione;
    5. adotta le misure necessarie ad assicurare un adeguato controllo sulla regolare tenuta della contabilità e sulla corretta redazione del bilancio consuntivo, secondo le modalità stabilite dal Regolamento per la finanza e la contabilità di Ateneo.
       
  3. L’incarico di Direttore generale è attribuito dal Consiglio di amministrazione, su proposta del Rettore d’intesa con il Presidente, a personalità di elevata qualificazione professionale e comprovata esperienza pluriennale in funzioni dirigenziali. Il Direttore generale è individuato secondo le modalità stabilite dal Regolamento generale di Ateneo.
     
  4. L’incarico ha durata non superiore a cinque anni ed è rinnovabile. Per gravi motivi, il Direttore generale può essere sospeso o revocato prima della scadenza dell’incarico con provvedimento motivato del Consiglio di amministrazione, su proposta del Rettore d’intesa con il Presidente.
     
  5. Il Direttore generale partecipa, senza diritto di voto, alle sedute del Consiglio di amministrazione, del Senato accademico e della Consulta dei Direttori, assumendo il ruolo di segretario verbalizzante.

Documentazione