I ricercatori dell’Università di Trento realizzano invenzioni brevettabili all’interno della loro ricerca indipendente  oppure nel contesto di progetti collaborativi e commesse industriali.
Le nuove invenzioni vengono realizzate prevalentemente nei settori dell’ ingegneria, dell’ informatica e della biologia.
Numerosi brevetti/domande brevettuali sono di titolarità di imprese locali, nazionali ed internazionali che li utilizzano sul mercato.

Il Codice della proprietà industriale (D. Lgs 10 febbraio 2005, n. 30 e ss.mm.ii) prevede che, a seconda del caso, la titolarità delle invenzioni brevettabili possa spettare all’inventore o all’università, o all'impresa.
L’ateneo ha emanato un Regolamento Brevetti (PDF | 90,4 KB) a supporto dell’attività inventiva svolta nei laboratori.

Ad oggi (marzo 2020) l’Università di Trento è titolare di 17 brevetti/domande brevettuali (PDF | 138 KB)
La disponibilità per licenza o cessione brevettuale è indicata in ogni singola scheda. Per la presentazione di eventuali manifestazioni di interesse si prega di consultare la pagina dedicata, oppure di contattare il seguente indirizzo: research.support [at] unitn.it.

Informatica gestionale  

Titolo: A method and apparatus for distributed, privacy- and integrity-preserving exchange inventory and order book 
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione (DISI)
Inventori: Fabio Massacci (UniTrento), Chan Nam Ngo (UniTrento), Jing Nie (UniTrento), Daniele Venturi (UniTrento), Julian Mark Williams (UniTrento)
Applicazioni: gestione di un portafoglio ordini; registrazione pubblica di ordini di acquisto e vendita; tutela della privacy in transazioni finanziarie.
Parole chiave: sistema per la gestione degli ordini, tutela della privacy, integrità finanziaria
Dati bibliografici: numero della domanda: 19154744.7 (deposito europeo); US 2019/0244290 A1(deposito US); data di priorità: 02/02/2018
Titolari: Università degli Studi di Trento 
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

Un metodo e strumento per diffondere, preservare la privacy e preservare l'integrità dell'attuazione tecnica di un portafoglio ordini in cui un gruppo di dispositivi informatici appartenenti ad agenti (operatori economici, broker) può mantenere private le informazioni sulla solvibilità del singolo agente; registrare pubblicamente i valori degli ordini di acquisto e vendita, mantenere l'integrità finanziaria del mercato e mantenere privata la possibile uscita dal mercato.

Computer vision 

Titolo: Self adaptive matrix completion for heart rate estimation from face videos under realistic conditions
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione
Inventori: Jeffrey Cohn (University of Pittsburgh), Niculae Sebe (UniTrento), Xavier Alameda-Pineda  (UniTrento), Sergey Tulyakov (UniTrento), Elisa Ricci (Fondazione Bruno Kessler), Lijun Yin (University of Binghamton)
Applicazioni: riconoscimento del battito cardiaco
Parole chiave: analisi video, sorveglianza
Dati bibliografici: U.S. Patent Application Serial No.15/631,346; data di priorità: 23/6/2017; brevetto concesso in USA n.US 10,335,045 in data 2/7/2019
Titolari: Università degli Studi di Trento, Università di Binghampton, Università di Pittsburgh, (Fondazione Bruno Kessler) 
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

Studi recenti nella computer vision hanno mostrato che, benché praticamente invisibile all'occhio umano, il colore della pelle cambia a causa del flusso sanguigno. questo effetto può essere colto da video ed utilizzato per stimare il battito cardiaco. L'approccio presentato da questo brevetto consente di stimare il battito cardiaco sulla base di una selezione delle migliori regioni del viso da utilizzare per la stima stessa.

Biologia e medicina 

Titolo: Trattamento terapeutico dI cromatinopatie
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Biologia Cellulare, Computazionale e Integrata - CIBIO
Inventori: Alessio Zippo (UniTrento), Alessandra Fasciani (UniTrento).
Applicazioni: trattamento terapeutico dei pazienti affetti da sindrome di Kabuki; trattamento terapeutico di pazienti affetti da altre cromatinopatie.
Parole chiave: cromatinopatie; malattie genetiche rare; sindrome di Kabuki; stress meccanico nucleare; ATR.
Dati bibliografici: numero della domanda: 102020000005527 (deposito italiano); data di priorità: 16/03/2020
Titolari: Università degli Studi di Trento 
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

Questa invenzione riguarda il trattamento terapeutico delle cromatinopatie che rappresentano malattie genetiche rare caratterizzate dalle mutazioni di geni codificanti per regolatori della cromatina, come la sindrome di Kabuki (K21,2), sindrome di Charge (CS) la sindrome Rubinstein-Taybi (RT) e la sindrome Cornelia de Lange (CdL).

Titolo: Dispositivo di tipo medicale per la riparazione di un tessuto lesionato, in particolare un tendine o un legamento, e relativo metodo di riparazione
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Inventori: Nicola Pugno (UniTrento); Cecilia Surace  (Politecnico di Torino), Elisa Clementi (Politecnico di Torino), Tiziana Porta (Politecnico di Torino), Francesca Susa (Politecnico di Torino), Stefano Pani (Politecnico di Torino) e Federica Bergamin
Applicazioni: ambito sanitario nella branca ortopedica e di chirurgia plastica, riparazione di tendini, riparazione di legamenti, riparazione di tendini e legamenti animali
Parole chiave: chirurgia ortopedica, chirurgia plastica ricostruttiva, dispositivi medici impiantabili, legamenti, tendini
Dati bibliografici: numero della domanda: 102018000006092 (deposito italiano); data di priorità: 06/06/2018
Titolari: Università degli Studi di Trento e Politecnico di Torino
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

L’invenzione riguarda un dispositivo medico per la riparazione chirurgica dei tendini o dei legamenti. Si tratta di un dispositivo innovativo biocompatibile e biodegradabile in vivo per la riparazione tendinea e/o legamentosa in posizioni distanti dall’inserzione ossea che possa evitare i problemi indotti dalle metodiche convenzionali attualmente in uso. 

Titolo: Metodo per l'isolamento di vescicole extracellulari da materiale biologico
Dipartimento/Centro: CIBIO - Centro di biologia integrata
Inventori: Alessandro Provenzani (UniTrento), Alessandro Quattrone (UniTrento), Vito Giuseppe D'Agostino (UniTrento), Michela Notarangelo (UniTrento), Angelika Modelska (UniTrento), Isabella Pesce (UniTrento), Chiara Zucal (UniTrento)
Applicazioni: kit per l'analisi laboratoriale
Parole chiave: vescicole extracellulari, terreni di cultura cellulari
Dati bibliografici: numero della domanda: 102017000146281; data di priorità: 19/12/17. La domanda è stata depositata a livello italiano. 
Titolari: Università degli Studi di Trento 
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

La presente invenzione descrive un metodo per isolare vescicole extracellulari (EV) da diversi fluidi biologici, detto metodo di isolamento a base di nichel (NBI) è veloce, scalabile e consente la purificazione di EV dimensionalmente eterogenee a pH fisiologico, preservando la loro integrità e stabilità 5 in soluzione.

Titolo: Mutanti di CAS9 ad alta specificità e loro applicazioni
Dipartimento/Centro: CIBIO - Centro di biologia integrata
Inventori: Anna Cereseto (UniTrento), Alberto Inga (UniTrento), Antonio Casini (UniTrento), Gianluca Petris (UniTrento), Michele Olivieri  (UniTrento) 
Applicazioni: genome editing 
Parole chiave: CRISPR/Cas9
Dati bibliografici: 102017000016321; data di priorità: 14/2/2017
Titolari: Università degli Studi di Trento 
Disponibilità: licenziato

Descrizione...

L'invenzione consiste in varianti ottimizzate dell’enzima cas9 che, essendo più specifica, permette di evitare danni genomici non previsti.

Titolo: Composti ad attività fungicida
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Fisica 
Inventori: Graziano Guella (UniTrento), Ruggero Ferrazza (UniTrento), Fulvio Mattivi, Daniele Perenzoni, Noemi Tocci, Tobias Weil 
Applicazioni: strumento terapeutico alternativo per il trattamento di infezioni fungine resistenti ai trattamenti con i farmaci oggi esistenti sul mercato; vantaggi: la mancanza di citotossicità, la forte attività antifungale e l'efficacia contro i ceppi resistenti al fluconazolo
Parole chiave: proprietà antifungali, composti naturali
Dati bibliografici: numero della domanda: PCT/IB2017/057813; data di priorità: 19/12/2016
Titolari: Università degli Studi di Trento e Fondazione Edmund Mach
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

La presente invenzione si riferisce a nuovi composti provenienti da piante spermatofite appartenenti alla famiglia Hypericaceae, in particolare 5 da Hypericum mexicanum aventi attività fungicida, e relative composizioni farmaceutiche e usi per il trattamento delle infezioni fungine.

Titolo: Nuovi derivati aza-tanshinonici, procedimento per la loro preparazione e loro uso in terapia
Dipartimento/Centro: CIBIO - Centro di biologia integrata
Inventori: 
Alessandro Provenzani (UniTrento), Vito Giuseppe D’Agostino (UniTrento), Natthakan Thongon (UniTrento), Chiara Zucal (UniTrento), Preet Lal (UniTrento), Valentina Adami (UniTrento), Pierfausto Seneci, Leonardo Manzoni, Luciana Marinelli, Ettore Novellino, Marco Fragai,Claudio Luchinat, Linda Cerofolini
Applicazioni:
terapie per malattie autoimmuni e tumorali
Parole chiave: proteina HuR, processi infiammatori
Dati bibliografici: numero della domanda: PCT/IB2017/053519; data di priorità: 14/6/2016; brevetto concesso in Italia
Titolari: 
Università degli Studi di Trento, Università degli Studi di Napoli Federico II
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

La presente invenzione ha per oggetto dei nuovi derivati aza-tanshinonici, un procedimento per la loro preparazione e il loro uso in terapia, in particolare, ma non solo, come agenti antitumorali e antiinfiammatori. L’invenzione comprende anche le composizioni farmaceutiche che li contengono.

Titolo: Terapia mediata di interferenza dell’RNA per la cura di malattie neurodegenerative
Dipartimento/Centro: CIBIO - Centro di biologia integrata
Inventori: 
Michela Alessandra Denti (UniTrento), Giuseppina Covello (UniTrento), Kavitha Siva (UniTrento)
Applicazioni: 
malattie rare, malattie neurodegenerative
Parole chiave: siRNA
Dati bibliografici: numero della domanda:
PCT/IB2016/051676; data di priorità: 25/3/2015
Titolari: Università degli Studi di Trento
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

La presente invenzione consiste in una terapia di interferenza mediata dell’RNA per la cura di malattie neurodegenerative associate con anomalie della proteina tau associata ai microtuboli.

Titolo: Procedimento per la realizzazione di scaffold porosi per usi medicali e relativi scaffold
Dipartimento/Centro: BIOtech Centro Interdipartimentale di Ricerca in Tecnologie Biomediche
Inventori: Devid Maniglio (UniTrento), Walter Bonani (UniTrento)
Applicazioni: rigenerazione del tessuto osseo
Parole chiave: scaffold polimerici porosi, ingegneria tessutale, rigenerazione tessuto osseo
Dati bibliografici: numero della domanda: PCT/IB2015/057196; data di priorità: 25/9/2014; brevetto concesso in Italia
Titolari: Università degli Studi di Trento
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

Questa invenzione permette di realizzare scaffold polimerici modulabili attraverso il processo di schiumatura, utilizzando protossido di azoto come agente espandente. Il nuovo procedimento semplifica notevolmente la realizzazione di scaffold polimerici e permette di ottenere il grado desiderato di porosità con un alto grado di riproducibilità. 

Fotonica e trasmissione dei dati 

Titolo: Apparato di produzione di fotoni comprendenti stati di singolo fotone in correlazione quantistica 
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Fisica  
Inventori: Lorenzo Pavesi (UniTrento), Valter Moretti (UniTrento), Sonia Mazzucchi (UniTrento), Davide Pastorello (UniTrento), Matteo Pasini (UniTrento)
Applicazioni: Informazione quantistica; computer quantistici; comunicazione sicura; generazione di numeri random certificati; distribuzione quantistica di chiavi; crittografia; misure e sensoristica quantistica; Internet delle cose
Parole chiave: correlazione quantistica; ottica quantistica; informazione quantistica; distribuzione chiave quantistica; generazione di numeri random 
Dati bibliografici: numero della domanda: 102020000005521 (deposito italiano); data di priorità: 16/03/2020
Titolari: Università degli Studi di Trento
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

Apparato per la produzione di fotoni dove ogni fotone è caratterizzato da due gradi di libertá in correlazione quantistica. Esso consiste in una sorgente di fotoni e in uno stadio di generazione della correlazione quantistica tra due stati selezionati di singolo fotone. L'apparato puó essere a componenti discrete o realizzato parzialmente o in toto in un circuito ottico integrato.

Titolo: Ampiezza, fase e piastra di polarizzazione per la fotonica 
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Fisica
Inventori: Zeno Gaburro (UniTrento), Nanfang Yu, Patrice Genevet, MiKhail A. Kats, Francesco Aieta, Jean Philippe Tetienne, Federico Capasso 
Applicazioni: trasmissione dei dati
Parole chiave: ottica, propagazione della luca
Dati bibliografici: numero della domanda: PCT/US12/53434; data di priorità: 31/8/2011
Titolari: Università degli Studi di Trento, Harvard University
Disponibilità: brevetto licenziato

Descrizione...

Una piastra ottica per la modulazione dell’ampiezza, della fase e/o polarizzazione della radiazione 10 ( ad esempio luce e radiazioni con alter lunghezze d’onda e metodo per la sua fabbricazione e utilizzo.

Chimica, Fisica, nuovi materiali, materiali avanzati e microsistemi

Titolo: Metodo per identificare intermediari
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Fisica / Dipartimento CIBIO 
Inventori: Emiliano Biasini (UniTrento/Telethon), Pietro Faccioli  (UniTrento/INFN) 
Applicazioni: Individuazione di nuovi stati intermedi nel processo di folding delle proteine
Parole chiave: Protein Inactivation, Folded Intermediate Targeting 
Dati bibliografici: numero della domanda: 102018000007535 (deposito italiano); data di priorità: 26/07/2018
Titolari: Università degli Studi di Trento, INFN, Telethon
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

The research group has developed innovative in silico approaches, which allow to computationally predict relevant intermediate states in the folding process of a protein. These technologies enable to drastically lower the computational cost of simulating protein folding pathways with atomic-level resolution, leading to the identification of protein folding intermediates.

Titolo: Dispositivo e metodo per misurazioni di visibilità
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Fisica
Inventori: Leonardo Ricci (UniTrento), Mario Scotoni  (UniTrento) 
Applicazioni: monitoraggio della visibilità in ambiti stradali/autostradali, monitoraggio della visibilità in ambiti ferroviari e aeroportuali, valutazioni oggettive della visibilità in ambito sportivo e industriale.
Parole chiave: portata ottica meteorologica, misura della visibilità, monitoraggio della visibilità
Dati bibliografici: numero della domanda: 102018000005817 (deposito italiano); data di priorità: 29/05/2018
Titolari: Università degli Studi di Trento 
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

L’invenzione riguarda un dispositivo automatico di dimensioni ridotte per la misura della visibilità che  risulta costruttivamente semplice e che non richiede particolari accorgimenti di messa a punto, in modo da poter essere posto in condizioni operative in tempi brevi.

Titolo: Processo per la produzione di corpi ceramici comprendenti nanofibre di nitruro o carburo di silicio e corpi ceramici così ottenuti
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Ingegneria Industriale
Inventori: Giandomenico Sorarù (UniTrento), Emanuele Zera (UniTrento), Jana Prasanta (UniTrento)
Applicazioni: isolante termico/elettrico, schermo radar,  rinforzo per materiali compositi, supporto catalitico
Parole chiave: materiali compositi, corpi ceramici, nanofibre di nitruro, carburo di silicio 
Dati bibliografici: numero della domanda: 102017000133208; data di priorità: 21/11/2017. La domanda è stata depositata a livello italiano
Titolari: Università degli Studi di Trento 
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

 L’invenzione riguarda un processo per la produzione di corpi ceramici comprendenti da nanofibre di nitruro o carburo di silicio, e i corpi ceramici ottenuti tramite il processo.

Titolo: Dispositivo per determinare le proprietà meccaniche di nanomateriali e metodo relativo
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
Inventori: Nicola Pugno (UniTrento),  Maria Pantano (UniTrento); Giorgio Speranza (Fondazione Bruno Kessler) 
Applicazioni: nanomeccanica bio-ispirata, nuovi materiali con caratteristiche di alte prestazioni, caratteristiche meccaniche di nanomateriali, caratterizzazione meccanica di materiali monoatomici e film ultrasottili
Parole chiave: nanomateriali, proprietà meccaniche, prove di trazione
Dati bibliografici: numero della domanda: 102017000108535 (deposito italiano); data di priorità: 28/09/2017
Titolari: Università degli Studi di Trento
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

L’invenzione si riferisce ad un innovativo setup per eseguire prove di trazione su nanomateriali, come microfibre, film ultrasottili, inclusi strati monoatomici come il grafene. Al fine di determinare le proprietà meccaniche di nanomateriali il dispositivo utilizza un substrato sul quale è ancorabile un provino di nanomateriale, che viene meccanicamente collegato da un lato ad un attuatore e dal lato opposto ad un sensore. Il substrato è configurato in maniera tale da generare una propria linea di frattura in una posizione prefissata e dividere così il substrato in due parti, la prima parte connessa all’attuatore la seconda al sensore, consentendo un movimento relativo fra le parti.

Linguistica e dispositivi didattici 

Titolo: Dispositivo didattico per l'apprendimento o l'esercizio nell'uso di strutture linguistiche
Dipartimento/Centro: Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive
Inventori: Roberto Zamparelli (UniTrento)
Applicazioni: mettere in risalto, anche visivamente, le differenze strutturali tra lingue diverse, allo scopo di facilitare la costruzione di strutture corrette nell’analisi e nella produzione di una lingua straniera.
Parole chiave: rappresentazione di lingue, apprendimento di strutture sintattiche
Dati bibliografici: numero della domanda: 102016000078443; data di priorità: 26/7/2016; brevetto concesso in Italia
Titolari: Università degli Studi di Trento
Disponibilità: disponibile per licenza o cessione brevettuale

Descrizione...

La presente invenzione si riferisce ai dispositivi didattici per l'apprendimento di strutture linguistiche in varie lingue e la visualizzazione delle differenze strutturali tra lingue diverse.
In particolare, l'invenzione riguarda un dispositivo includente tessere di varie forme collegabili tra loro.