Composizione

Professori di I fascia prof. Alessandro Melchionda
Presidente
Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza
prof. Riccardo Salomone Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza
prof.ssa Marina Scarpa Dipartimento di Fisica
Professori di II fascia prof. Francesco Vespignani Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive
prof. William Adriaan De Graaf Dipartimento di Matematica
Ricercatori dott.ssa Nadia Baldassino Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
dott. Leonardo Ricci Dipartimento di Fisica/CIMeC

Componenti supplenti:

Professori di I fascia Riccardo Salomone
Presidente
Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza
prof. ssa Teresa Pasquino  Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza
Professori di II fascia prof. ssa Stefania Brun Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza
Ricercatori dott.ssa Carla Gubert Dipartimento di Lettere e Filosofia

Funzioni e competenze del Collegio di disciplina - art. 18 dello Statuto

  1. Il Collegio di disciplina ha il compito di svolgere la fase istruttoria dei procedimenti disciplinari a carico di professori e ricercatori che prevedano sanzioni più gravi della censura, e di esprimere un parere da sottoporre al Consiglio di amministrazione.
  2. L’avvio del procedimento disciplinare spetta al Rettore. Il Consiglio di amministrazione, secondo i tempi e le modalità previsti da apposito Regolamento, dispone la sanzione o l’archiviazione, conformemente al parere vincolante espresso dal Collegio di disciplina.
  3. Il Collegio è composto da cinque professori di ruolo di cui tre professori ordinari, due professori associati confermati e da due ricercatori confermati. I componenti del Collegio, sono nominati dal Senato accademico, che nomina altresì il Presidente tra i professori ordinari.
  4. Il Collegio di disciplina opera secondo il principio del giudizio fra pari nel rispetto del contraddittorio in composizione limitata al Presidente e ai componenti appartenenti alla fascia corrispondente a quella della persona sottoposta ad azione disciplinare.
  5. I componenti del Collegio restano in carica quattro anni e l’incarico è rinnovabile una sola volta.
  6. Il funzionamento del Collegio e le procedure disciplinari sono stabilite in un apposito Regolamento, approvato dal Senato accademico.