Correttore genomico: ora le malattie

 

 

Nel 2018 il Dipartimento di Biologia Cellulare, Computazionale e Integrata (CIBIO) dell’Università di Trento ha creato un “correttore genomico”, una specie di bisturi di precisione, che potrebbe realizzare un avanzamento cruciale nella lotta contro le malattie genetiche.

Si tratta dell’evoluzione di una tecnica, la cosiddetta CRISPR/Cas9, che consente di tagliare il genoma nel punto dove il DNA è malato. Finora il taglio poteva avvenire anche su parti di genoma sano, causando effetti imprevedibili, mentre la versione creata a Trento è attualmente la più precisa e sicura al mondo.

Ora si comincia concretamente a sperimentare su specifiche patologie.
 
La prima classe di malattie per le quali la tecnica CRISPR/Cas9 sta arrivando alla sperimentazione clinica è quella delle patologie genetiche rare, generate dalla mutazione di un singolo gene nel genoma.

La correzione di questo gene in un numero sufficiente di cellule potrebbe rallentare o addirittura arrestare i processi degenerativi causati dalla mutazione.

Aiutaci a fare di più

Se vuoi che questa ricerca rimanga in Italia e se vuoi contribuire al progresso della scienza e della medicina clicca sul pulsante

e unisciti anche tu al gruppo di ricerca di Trento che ha lanciato la sfida italiana più importante alla lotta contro malattie oggi incurabili.

Come contribuire

Tramite carta di credito e paypal

Clicca sul pulsante "dona ora": sarai trasferito sul sito della Banca popolare di Sondrio.

Segui quindi il percorso seguente:

  1. selezionare ente - scegliere Università di Trento
  2. motivo pagamento (in alto a destra) - scegliere correttore genomico
  3. inserisci l’importo che desideri
  4. nel campo causale inserisci "donazione di modico valore per correttore genomico"
  5. compila i successivi campi con asterisco e clicca su avanti
  6. scegli il circuito di pagamento fra quelli indicati e clicca su paga

Tramite bonifico bancario

Università degli Studi di Trento

IBAN: IT30V0569601800000003117X69

BIC/SWIFT: POSOIT22

Indicando nella causale: "donazione di modico valore per correttore genomico".

Si intende donazione di modico valore ai sensi dell’art. 783 c.c. quella di modesta entità in relazione alle condizioni economiche del donante.

Per informazioni e donazioni al di sopra di 1.000 € contattare: fundraising [at] unitn.it

Vantaggi fiscali

Le donazioni a favore della ricerca condotta dall’Università di Trento sono totalmente deducibili dal reddito.

Ai fini della deducibilità fiscale come attestazione di avvenuta donazione, si suggerisce di conservare la ricevuta di avvenuto pagamento e portarla con sé in sede di dichiarazione dei redditi. Per maggiori informazioni scarica il file pdf nella sezione Download.