Supporto alle disabilità, ai Disturbi Specifici dell'Apprendimento e ad Altri bisogni speciali

L’Università, attraverso il Servizio Inclusione Comunità studentesca, si propone di promuovere la qualità della vita universitaria e di creare un ambiente inclusivo per tutti gli studenti e tutte e studentesse dell’Ateneo compresi coloro che hanno disabilità permanenti o temporanee, DSA, altri bisogni speciali, al fine di garantire consapevolmente il diritto alla formazione e alla partecipazione alle diverse dimensioni della vita universitaria: didattica, ricerca, accesso ai servizi e alle strutture, partecipazione agli eventi, relazioni con la comunità studentesca e con il corpo docente.  

I  servizi erogati hanno l’obiettivo di: 

  • prevenire e rimuovere le cause che possono impedire di realizzare il proprio percorso formativo e che potrebbero pregiudicarne la continuità; 
  • offrire la piena fruibilità delle strutture, dei servizi e delle prestazioni garantendo la libertà e la dignità personale, nonché la parità di trattamento e il rispetto delle specificità delle esigenze della persona; 
  • promuovere, in un’ottica sinergica, la partecipazione attiva in ambito universitario e sociale.

Il servizio si rivolge alla comunità studentesca con disabilità, DSA, bisogni speciali, o inabilità temporanea, iscritta a:

  • corsi di studio 
  • corsi singoli
  • dottorati di ricerca
  • master
  • programmi di mobilità internazionale
  • scuole di specializzazione 

o in procinto di partecipare alle prove di ammissione per i corsi di studio a numero programmato.

Apertura al pubblico 

Il Servizio opera solo su appuntamento: 

  • telefonare al numero +39 0461 282128 (da lunedì al venerdì orario: 10.00-12.00 e da lunedì a giovedì anche orario: 14.30-15.30)
  • oppure scrivere a inclusione.studente [at] unitn.it 

Normativa di riferimento

  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001 “Uniformità di trattamento sul diritto agli studi universitari, ai sensi dell’articolo 4 della legge 2 dicembre 1991, n. 390″;
  • Legge 5 febbraio 1992, n. 104 “Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”;
  • Legge 28 gennaio 1999, n. 17 “Integrazione e modifica della legge quadro 5 febbraio 1992, n. 104, per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”;
  • Legge 8 ottobre 2010, n. 170 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”;
  • Decreto Ministeriale 12 luglio 2011, n. 5669 “Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento”;
  • Decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 68 “Revisione della normativa di principio in materia di diritto allo studio”.