Requisiti per l’ammissione

Titolo di studio:

  • laurea rilasciata dalle Facoltà di Economia secondo l'ordinamento previgente ai decreti emanati in attuazione dell'art.17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n.127
  • laurea specialistica nella classe 64/S (Scienze dell'economia)
  • laurea specialistica nella classe 84/S (Scienze economico-aziendali)
  • laurea magistrale nella classe LM-56 (scienze dell’economia)
  • laurea magistrale nella classe LM-77 (scienze economico-aziendali)

Tirocinio
È obbligatorio aver svolto un tirocinio pratico di almeno 18 mesi compiuto presso lo studio di un dottore commercialista, ai sensi del D.P.R. 137 del 7 agosto 2012. Tutte le informazioni relative al tirocinio si richiedono all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della provincia di residenza del laureato interessato.
Possono partecipare all'esame di Stato anche i laureati che non hanno completato il tirocinio entro la data di scadenza per la presentazione della domanda, purché lo completino entro la data di inizio degli esami. I candidati dovranno consegnare entro la data dell'esame un'autocertificazione relativa al compimento del tirocinio.

Possono sostenere l'esame di Stato coloro che, in possesso di laurea in Scienze Politiche o Giurisprudenza abbiano iniziato il tirocinio prima dell'entrata in vigore del decreto 139/2005 (31 dicembre 2007).

Alla luce delle modiche normative relative al tirocinio previsto per l’accesso alle professioni di Dottore Commercialista ed Esperto Contabile (DPR 7 agosto 2012 n. 137) e della Convenzione Quadro fra il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, il Ministro della Giustizia ed il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, siglata nel mese di ottobre 2014, l'Università degli Studi di Trento e l'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto, hanno stipulato in data 20.05.2015 una nuova convenzione per lo svolgimento del tirocinio in concomitanza con il percorso formativo e per l'esonero dalla prima prova scritta dell'esame di Stato per l'esercizio della professione di Dottore Commercialista ed Esperto Contabile (vedi box download).

Normativa di riferimento: DM del 24/10/96 n. 654 , Decreto Legislativo n. 139/2005.
Il decreto legislativo n. 139 del 28 giugno 2005 ha stabilito la soppressione, a far data dal 1° gennaio 2008, degli Ordini dei Dottori Commercialisti e dei Collegi dei Ragionieri e Periti Commerciali, istituendo nel contempo l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. E’ stato quindi istituito l’Albo unico, articolato in due sezioni: Sezione A "Dottori commercialisti", sezione B "Esperti contabili".

Svolgimento prove e programma

Gli esami di abilitazione all'esercizio della professione di Dottore Commercialista consistono in tre prove scritte, di cui una a contenuto pratico, dirette all'accertamento delle conoscenze teoriche del candidato e della sua capacità di applicarle praticamente e in una prova orale.

La prima prova scritta verte sui seguenti argomenti:

  • ragioneria generale e applicata
  • revisione aziendale
  • tecnica industriale e commerciale
  • tecnica bancaria
  • tecnica professionale
  • finanza aziendale

La seconda prova scritta verte sui seguenti argomenti:

  • diritto privato
  • diritto commerciale
  • diritto fallimentare
  • diritto tributario
  • diritto del lavoro e della previdenza sociale
  • diritto processuale civile

Per lo svolgimento delle prove scritte sono assegnate ai candidati cinque ore.

La prova a contenuto pratico è costituita da un'esercitazione sulle materie previste per la prima prova scritta ovvero dalla redazione di atti relativi al contenzioso tributario.

La prova orale sarà diretta all'accertamento delle conoscenze del candidato, oltre che nelle materie oggetto delle prove scritte, anche nelle seguenti materie:

  • informatica
  • sistemi informativi
  • economia politica
  • matematica e statistica
  • legislazione e deontologia professionale.

E' inoltre possibile svolgere le prove integrative ai fini dell'iscrizione al Registro dei Revisori Legali. Per maggiori informazioni visitare la pagina web "Abilitazione alla professione di Revisore Legale".

Esonero dalla prima prova scritta 

Per informazioni sulle condizioni per l'esonero dalla prima prova scritta e sul possesso dei requisiti, si veda la pagina web: Esonero dalla prima prova scritta - Dottore Commercialista.

Norme per lo svolgimento delle prove scritte

I candidati si devono presentare in aula muniti di idoneo documento di riconoscimento e del materiale di cancelleria necessario per lo svolgimento delle prove.
Durante lo svolgimento delle prove scritte possono essere consultati soltanto i testi preventivamente autorizzati dalla Commissione esaminatrice. Prima dell’inizio della prova, la commissione valuterà ed indicherà ai candidati di quali testi sia permessa la consultazione ai fini dello svolgimento delle tracce predisposte. Si possono consultare soltanto i codici e i testi di legge non commentati, mentre non sono ammessi appunti manoscritti o fogli (diversi da quelli appositamente consegnati il giorno dell'esame);
Non è ammesso l'uso di pc o calcolatrici programmabili.
I candidati non possono comunicare tra loro.
E'obbliatorio spegnere e consegnare alla Commissione il proprio telefono cellulare.
I candidati non devono apporre, né sugli elaborati né sulla busta, alcuna sottoscrizione o contrassegno che possa essere identificativo e che possa inficiare l’anonimato degli stessi, pena l’invalidazione della prova e l’esclusione da tutte le prove successive.
L’elaborato deve essere scritto con penna ad inchiostro nero o blu, su carta portante il timbro dell'Università e la firma di un componente della Commissione esaminatrice, e non deve riportare cancellazioni effettuate con correttori.

NOTA BENE: Le prove scritte e la prova pratica potranno essere svolte, in tutto o in parte, avvalendosi di personal computer (utilizzando gli applicativi Word e/o Excel per Windows, ecc.) con ampia garanzia di mantenimento della forma anonima rispetto agli autori o alle autrici delle prove; è facoltà della commissione esaminatrice far eseguire la prova d'esame con l'utilizzo dei suddetti strumenti informatici.