Verifica dati contenuti in dichiarazioni rese ai sensi degli artt. 46-47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445
Sono di seguito indicate le modalità per ottenere l’accertamento dei dati relativi all'abilitazione all'esercizio della professione (Esami di Stato sostenuti presso l'Università degli Studi di Trento) contenuti in dichiarazioni rese ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000 (cosiddette "autocertificazioni").

Materie di competenza
Sono oggetto di verifica esclusivamente i dati contenuti in albi, registri o banche dati dell’Università degli Studi di Trento.

Contenuto della richiesta di controllo e della richiesta dei dati
La richiesta va presentata utilizzando il modulo scaricabile dal box Download.

Modalità di trasmissione delle richieste
Le richieste presentate da Pubbliche amministrazioni vanno inviate da un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo PEC dell’Università degli Studi di Trento: ateneo [at] pec.unitn.it

Le richieste presentate da Gestori di pubblici servizi o da soggetti privati (persona fisica o giuridica) possono essere:

  • inviate da un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo PEC dell’Università degli Studi di Trento: ateneo [at] pec.unitn.it
  • presentate a mano all’Ufficio Protocollo e Archivio di Ateneo (Palazzo Sardagna, Via Calepina n. 14, Trento) nei giorni di feriali (sabato escluso) dalle ore 9:00 alle ore 12:30
  • spedite via posta al seguente indirizzo: Università degli Studi di Trento – Via Calepina n. 14 – 38122 Trento

 Attenzione! Le richieste presentate da soggetti privati devono essere corredate dal consenso scritto all’accertamento, rilasciato dal medesimo soggetto che ha presentato la dichiarazione sostitutiva di certificazione o di atto di notorietà. Al consenso scritto deve essere allegata obbligatoriamente copia fotostatica (fronte e retro) di un documento d’identità in corso di validità del soggetto che ha rilasciato la dichiarazione sostitutiva.

Tempi di risposta
Le richieste inoltrate, ai sensi delle presenti disposizioni, saranno evase nel minor tempo possibile e comunque nel termine di 30 giorni dalla ricezione delle stesse dall’Ufficio Protocollo e Archivio di Ateneo.